“L’ora più fredda” di Paolo Paci

Titolo:

L’ora più fredda

Autore:

Paolo Paci

Editore:

Solferino

Sinossi:

Marco, figlio di una famiglia piccolo-borghese cresciuto ai margini di un quartiere operaio, non è mai stato in montagna. Per questo, quando grazie a una gita dell’oratorio vive la sua prima notte stellata in alta quota, è potentissima la scoperta del profumo del bosco, delle stelle così vicine, di un senso di libertà mai provato prima. Una scoperta che continua negli anni, intrecciandosi all’amicizia con Martino, figlio di operai e talento naturale dell’alpinismo anche grazie al rapporto forte con il padre, fervente comunista e ancor più fervente scalatore. Il legame tra i due ragazzi si approfondisce di anno in anno e di cima in cima, dalle falesie del lecchese alle Alpi Retiche, al Monte Bianco, al gruppo del Brenta. Ma tra gli entusiasmi dell’adolescenza e i dilemmi della maturità si apre la voragine. Un evento traumatico che della montagna rivela il volto più duro, quello della fatalità che non lascia scampo. Per i due amici di sempre la scelta è ineludibile: lasciarsi travolgere, o stringere i denti e cercare una nuova vetta? Anche nell’ora più fredda si può trovare la forza di rinascere, un nuovo senso della vita, persino l’amore. Il primo romanzo di Paolo Paci, attraverso decenni e luoghi fondamentali per la nostra storia collettiva, racconta con mano lieve il mestiere di crescere: tra gli amici, tra le montagne. Disegnando un’educazione sentimentale, politica e alpinistica.

Biografia:

PAOLO PACI è nato a Milano nel 1959. Ha scalato su tutte le Alpi e ha viaggiato in tutto il mondo. Più o meno. Per vivere, ha diretto mensili di alpinismo, di viaggi, di gastronomia. Ha pubblicato una ventina di volumi, tra racconti di viaggio, saggi e libri fotografici. I suoi ultimi titoli: Caporetto andata e ritorno, 4810 (premio Bancarella Sport 2019), L’orco, il monaco e la vergine. Il suo sogno è far fiorire i giardini. Questo è il suo primo romanzo.