“Ogni cosa che passa” di Paolo Lanaro

Autore: Paolo Lanaro

Editore: Cierre Edizioni

Sinossi: In quest’ultima prova narrativa Paolo Lanaro va alla ricerca degli antecedenti familiari, psicologici, morali della vicenda raccontata in Una tazza di polvere (Cierre, 2014). Il tempo dolcemente liquido dell’infanzia e della prima adolescenza si coagula all’improvviso in una sequenza variopinta di flash che illuminano giochi, avventure, amori, illusioni del protagonista e dei suoi amici di un tempo. Ma ne esce anche il ritratto incisivo e profondo di una piccola comunità che vive, e talvolta si trova perfino a sognare, la propria esistenza come se fosse un romanzo, con i tipi, i dilemmi, le atmosfere, che i romanzi sanno offrire ai lettori. Alla fine quello che si presenta come un memoir si trasforma in un piccolo concerto di episodi e di destini che fa da sfondo alle domande, alle paure, alle speranze di un uomo che per capire il significato del suo essere al mondo si sente costretto a tornare indietro, agli esordi iridescenti e volatili della propria storia personale.

Biografia: Paolo Lanaro è nato a Schio nel 1948 e vive a Vicenza. Ha pubblicato varie raccolte di poesia, di cui l’ultima (Rubrica degli inverni, Marcos y Marcos, 2016) ha ottenuto importanti riconoscimenti. Per Cierre ha pubblicato Una tazza di polvere (2014), La città delle parole (2015) – un insolito collage di saggi-racconti sugli scrittori vicentini del ’900 – e Contro i venti invisibili (2017).