“Parole e polvere” di Paolo Brovelli

titolo: Parole e polvere

autore: Paolo Brovelli

editore: Cierre

sinossi: “Un taccuino di viaggio, come nelle migliori tradizioni dei viaggiatori d’una volta, di un viaggio lungo tutto un pianeta e tutta una vita, pieno d’impressioni, luoghi, persone, riflessioni. Pieno d’emozione. Colori diversi per tempi e spazi diversi. Per mettere in risalto la varietà del mondo, e trovarne i fili”. Così l’autore Paolo Brovelli, geografo, viaggiatore per passione e per professione, ci introduce al suo nuovo libro. Un testo che, nonostante ricerchi qua e là ispirazioni narrative e poetiche, egli definisce semplicemente “taccuino di viaggio”: un’idea maturata in più di trent’anni di peregrinazioni nei vari continenti e approdata oggi su queste pagine che vogliono restituire l’esperienza del mondo tramite la sola forza della parola, rinunciando consapevolmente a un corredo fotografico con l’intento di liberarsi dalla tirannia dell’immagine. I viaggi di Paolo Brovelli, alcuni particolarmente avventurosi, come quello, da Guinness dei Primati, che lo ha condotto da Lisbona a Pechino con un “Ape” Piaggio, sono evocati e raccontati qui in frammenti, spunti per avventurarsi in altrettanti percorsi storici, geografici, antropologici.

biografia: Paolo Brovelli, milanese, quarant’anni, una laurea in geografia umana, da sempre avventuroso e appassionato viaggiatore ed esploratore, linguista e fotografo, ha visto i luoghi più remoti del pianeta. Poliglotta per soddisfare il suo desiderio di conoscenza degli altri popoli, dal 1984 organizza e realizza viaggi particolari: ha compiuto una spedizione sui luoghi bellici dell’Eritrea e dell’Etiopia nel 1994, nel 1997, in ciclomotore, un tour nel deserto libico, una traversata del Sahara nel 2001, l’esplorazione delle repubbliche interne della Russia nel 2004, facendo sempre della meta finale l’occasione di una nuova partenza. Al 1998 risale la sua impresa più ambiziosa: l’EurAsia Expedition, da Lisbona a Pechino a bordo di un Ape.