“Recensioni a “Vinpeel degli orizzonti” di Peppe Millanta

“Vinpeel degli orizzonti” di Beppe Millanta

Recensioni

Forse sarà la musica del mare, sentendo questo tango dalla voce di Claudio Villa, mi accingo a scrivere di un racconto musicale con l’orecchio incollato alle conchiglie raccolte dal padre di Vinpeel.
Il libro è quanto di più musicale e ballabile ci sia stato nella mia esperienza di lettrice e mi piace continuare a sentirne il piacere del volo oltre i confini della Litweb. Mi sento vicinissima all’immaginario di un luogo da dove si può andare via sulla mongolfiera della libertà oltre il mare smisurato alla ricerca di altri mondi.
Una sorta di Truman Show sembra per un po’ il luogo abitato da Vinpeel, un adolescente in un mondo di adulti, un adolescente senza la mamma e con un padre silenzioso, quasi bloccato da un segreto innominabile, un padre che lascia i suoi messaggi in una bottiglia alle onde del mare affinché, io so chi, possa un giorno leggerli.
Nella bellezza della lettura, sulle acque del mare che lambiscono i confini del villaggio di Dinterbild, si svolge la scena del recupero della memoria smarrita, del ritorno degli oggetti scomparsi, della crescita e delle sfide di Vinpeel col suo amico immaginario Doan. Ho raccolto e messo da parte stralci, ho seguito e parteggiato per Vinpeel, ho immaginato Il grande Meaulnes, l’isola del tesoro e i Ragazzi della Via Paal, ho sognato con VinPeel e i tanti libri per ragazzi, in una narrativa di speranza e di altezza su nel cielo aperto.
Canto e scrivo nel suono bello delle parole, delle nuvole dove ritornerà l’amico, nei sentimenti descritti e vissuti e da regalare ancora.
Come vorrei che questo libro giungesse nelle mani di ragazzi dai dodici anni in su, compresi noi adulti, come vorrei portare questo racconto sull’amicizia, sul desiderio di esserci e creare nuovi mondi possibili, nuovi luoghi da esplorare!
Leggere diventa un piacere, affinché nessuno perda i suoi attimi in volo collettivo sulle mongolfiere di Vinpeel.

Ippolita Luzzo

.