“Everland” di Alessia Turri

Autore: Alessia Turri

Editore: Cierre Edizioni

Sinossi: Un viaggio nel Sudovest americano, alla ricerca di storie e luoghi nascosti, insoliti, tutti da esplorare. Una coinvolgente narrazione on the road dal Nevada, all’Arizona fino al New Mexico, in bilico tra sogno e incubo, vita e morte, ci conduce attraverso cimiteri variopinti, foreste infuocate, città sotterranee e basi militari segrete. Ci presenta personaggi inaspettati: veterani solitari, signore delle torte, scienziati stellari e artigiani dell’oltretomba. Comunità leggendarie, maledette, nascoste, scomparse. Alieni e terrestri, uomini e spiriti, che abitano un West patria di mondi contrastanti. Un tragitto tra natali luminosi e praterie oscure, montagne azzurre e deserti bianchi. Colori naturali di un mondo surreale, segnato dallo scandire di nascite, morti e resurrezioni. Con una serie di racconti brevi, illustrati da affascinanti e polverose immagini, l’autrice prosegue l’emozionante viaggio iniziato con il suo precedente libro, Wasteland, esplorando una nuova, vasta parte d’America, sempre più misteriosa, intima, vera, che offre spunti per un’insolita riflessione sulla vita e sulla morte.

Biografia: Alessia Turri (Verona 1992), si è laureata in Lettere e Filosofia presso l’Università Cattolica di Brescia, specializzandosi in Scienze e Tecnologie delle Arti e dello Spettacolo. Ha frequentato un corso di Videomaking a Hollywood e un Master in Turismo culturale a Roma. Nel 2016 si è aggiudicata il primo premio al Laboratorio di scrittura e fotografia del Festival della letteratura di viaggio a Roma, promosso dalla Società geografica italiana. Appassionata di scrittura e fotografia, durante i suoi viaggi nell’Ovest americano tiene dei taccuini in cui annota incontri, esperienze, storie e sensazioni, e documenta tutto con una ricca raccolta di fotografie.