“Il dio dei topi” di Barbara Codogno

titolo: Il dio dei topi

autore: Barbara Codogno

editore: Cleup

sinossi: Un gotico contemporaneo, un romanzo claustrofobico. I kafkiani luoghi che ci introducono nel ‘sottosuolo’ sono labirinti annodati nei sotterranei di un dipartimento universitario di ricerca, condotta sugli animali. Nello specifico, un ‘condominio’ imprigiona dei topi che dovranno testare antidepressivi commissionati da un’importante azienda farmaceutica. Una volta salito in superficie, il lettore si troverà di fronte a un’architettura altrettanto violenta e speculare. L’autrice avanza la riflessione: chi sono le vere cavie? Gli uomini o i topi?

biografia: Barbara Codogno è nata a Padova dove vive. Giornalista, scrive, tra l’altro, per le pagine culturali del «Corriere del Veneto» e dirige la rivista di antropologia visuale «Fieldworks Magazine». Critica d’arte e curatrice si occupa di arte contemporanea. Tra le sue pubblicazioni l’antologia poetica Metrolieder (Apogeo Editore), e il romanzo Tutti i figli della serva (Gaffi Editore). Per i tipi della Cleup ha pubblicato la raccolta di racconti Cosa sognano le donne e P.C.R. Per colpa ricevuta. Due favole per adulti.