Rassegna Stampa - Premio Letterario Giovanni Comisso

Il Comisso a Battocletti e Cocchi (Il Gazzettino, 07/10/2018)

Comisso fiumano, sedotto dal carisma di Gabriele D’Annunzio. Agli anni giovanili dello scrittore sarà interamente dedicato il 2019, anniversario dei 50 anni dalla scomparsa. E forse, al Comisso intrepido viaggiatore scrittore e giornalista potrebbe essere dedicato un film. Il premio letterario, intanto, scalda i motori con la finale della 371, edizione e i suoi vincitori. Il premio nella narrativa va a “La casa dei bambini” di Michele Cocchi (Fandango), romanzo forse collocato nell’Italia della Resistenza, che racconta le storie di un gruppo di orfani e la loro difficile battaglia per diventare adulti. Secondo è “L’ultima notte di Antonio Canova” di Gabriele Dadati (Baldini- Castoldi) affascinante affresco di una Venezia di fine Ottocento, mentre al terzo posto si colloca “Il segreto di Pietramala” (La nave di Teseo) di Andrea Moro, storia di un borgo isolato sulle montagne della Corsica. La biografia premia invece la vita di Bobi Bazlen, editore e talent scout. All’uomo che scoprì Italo Svevo, incoraggiò Moravia, sostenne Elsa Morante e visse un forte conflitto con Pasolini, Cristina Battocletti ha dedicato “Gobi Bazlen. L’ombra di Trieste” (La nave di Teseo)…

(… file PDF)