“Storie che accadono” di Roberto Ferrucci

Titolo:

Storie che accadono

Autore:

Roberto Ferrucci

Editore:

People

Sinossi:

Tutto ha inizio a Lisbona. Il tram numero 28 conduce l’io narrante e la sua compagna al cimitero dove sono custodite le ceneri dello scrittore italiano Antonio Tabucchi. Lasciano un biglietto sulla sua tomba, ed è il pretesto per ritornare sul corso di una storia di amicizia. «Le storie non iniziano né finiscono, ma accadono», ha scritto Tabucchi, una frase che sta alla base di questo libro. E lì, dentro al tram numero 28 che attraversa il cuore di Lisbona, saliranno e scenderanno le storie accadute insieme a Tabucchi, si apriranno pagine dei suoi libri, si ascolteranno le sue parole. E sarà come se quel tram variasse il suo percorso, passando per i luoghi e le città vissute da Tabucchi. Oltre a Lisbona, si passa per Vecchiano, nella sua casa natale, dove avviene l’ultimo incontro fra i due, e poi Parigi, l’appartamento in rue de l’Université. Un viaggio dentro la vita e le opere di uno dei più grandi narratori italiani, ma anche un viaggio dentro la scrittura e il mestiere di scrittore. Evocando la loro amicizia, Roberto Ferrucci traccia un ritratto intimo di uno dei più grandi protagonisti della cultura europea.

Biografia:

Roberto Ferrucci è nato a Venezia (Marghera) nel 1960. Vive nella città storica, ma gran parte della sua attività di scrittore si svolge in Francia. Insegna scrittura creativa all’Università di Padova, oltre che a Parigi, a Lille e, negli ultimi due anni, online. Questo libro, Storie che accadono, è uscito nel 2017 in Francia, in una versione ridotta con il titolo Ces histoires qui arrivent, tradotto da Jérôme Nicolas e pubblicato da La Contre Allée.  People ha ripubblicato nel 2021 il suo romanzo Cosa cambia, con una prefazione di Antonio Tabucchi. Per Helvetia Editrice dirige la collana Taccuini d’Autore. Scrive su giornali e riviste.