“Dominio” di Andrea Esposito

Titolo:

Dominio

Autore:

Andrea Esposito

Editore:

Saggiatore

Sinossi:

«Corre in fondo alla strada e non si volta e poi sente gli strilli dei due che lo inseguono. Nessuno scappa mai troppo lontano. Alla fine tutti tornano o vanno proprio dove dovevano andare dall’inizio.»
La città non è altro che una periferia senza fine, una ragnatela di palazzi bagnati dalla pioggia, grate e ballatoi nella quale sono rimaste intrappolate esistenze di uomini stanchi e senza speranza. Sotto le luci sporche dei lampioni, due uomini si inseguono in una caccia senza fine: il primo, Cane, fugge perché ha commesso un omicidio; l’altro, Serse, lo insegue perché ha ricevuto l’ordine di dargli una punizione esemplare. I due si rincorrono tra edifici abbandonati, torrenti fangosi, campagne desolate, si braccano nelle ore diurne, si ritrovano nello stesso sogno quando è buio. In questa ricerca sempre più allucinata, si incrociano le ombre di personaggi dai contorni onirici, a loro volta avvinti da quell’identico destino che contrappone e unisce il cacciatore e la preda.
In Dominio Andrea Esposito traduce su carta una visione nera di sopraffazione e violenza. Una scrittura oracolare, che scava nella superficie dell’esistente, per una corsa al termine della notte dell’umanità attraverso il sopruso, la ferocia e il nostro inarrestabile, brutale istinto di sopravvivenza.
«Una lingua asciutta che derapa in improvvisi, vertiginosi squarci di elegia.»

Biografia:

Andrea Esposito (Roma, 1980) è autore del romanzo Voragine, pubblicato dal Saggiatore nel 2018.