Rassegna Stampa - Premio Letterario Giovanni Comisso

I finalisti del Comisso. Una sfida tra sei autori (Il Gazzettino, 02/06/2019)

Premio Comisso, svelate ieri le due terne finaliste. A Villa Pisani di Montebelluna, sede del Memoriale Veneto della Grande Guerra, sono state selezionate le opere che, suddivise nelle due sezioni narrativa italiana e biografia, hanno partecipato alla trentottesima edizione del premio letterario dedicato al grande scrittore trevigiano scomparso cinquant’anni fa.
Centotrenta le opere valutate dalla Giuria Tecnica presieduta da Giancarlo Marinelli, che dopo una lunga scrematura, hanno portato all’esito finale.

NARRATIVA E BIOGRAFIE
Nella sezione narrativa italiana sono arrivate fino in fondo “Icarus” di Matteo Cavezzali (Minimum Fax), “Il gioco degli dei” di Paolo Maurensig (Einaudi) e “Le galanti. Quasi un’autobiografia” di Filippo Tuena (Il saggiatore). Nella sezione dedicata alla biografia, la terna delle finaliste comprende invece “Leo Longanesi. Una vita controcorrente” di Franco Gabici (Il Ponte Vecchio), “La funesta docilità” di Salvatore Nigro (Sellerio) e “Giorgio De Chirico. Immagini metafisiche” di Riccardo Dottori (La Nave di Teseo).
Dopo il saluto del Presidente onorario dell’Associazione Amici di Comisso, Neva Agnoletti e del sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, in un teatro Binotto affollato il presidente Giancarlo Marinelli ha illustrato il lavoro della Giuria tecnica, composta da Stefano Salis, Rolando Damiani, Benedetta Centovalli, Sergio Perosa, Pierluigi Panza e il noto scrittore e critico Ermanno Cavazzoni, al debutto al Comisso.

[… file PDF]