Pietro Spirito, Nel fiume della notte

editore Ediciclo

Sinossi

Un viaggio lungo il fiume Timavo, uno dei più misteriosi e affascinanti fiumi carsici del mondo, da oltre due secoli oggetto di studi ed esplorazioni. Dalle sorgenti, nei boschi della Croazia, fino alle risorgive e alle foci nel mare Adriatico, in prossimità di Duino, vicino Trieste, il percorso si snoda attraverso tre Stati – Croazia, Slovenia e Italia – in gran parte sottoterra, facendo la sua comparsa sul fondo di alcuni fra gli abissi più profondi d’Europa, ma il suo sviluppo completo è a tutt’oggi ignoto.

Da oltre due secoli quattro generazioni di esploratori lo cercano ovunque, mentre le sue acque hanno attraversato la presenza dell’uomo in queste terre dai tempi più antichi: da Strabone a Virgilio e fino ai nostri giorni il fiume fantasma non ha mai smesso di alimentare storie, miti, leggende, religioni.
Le sue acque nascoste hanno visto secoli di guerre, domini, accavallarsi di civiltà e mutamenti di confine. Seguendo il fiume in superficie fin dove è possibile e poi cercandolo negli abissi sottoterra, l’autore segue due secoli di esplorazioni, raccontando le ultime scoperte tra storie, personaggi, vicende che legano i tre Stati. Il risultato è metaforico e rinvia alla metafora esistenziale della frontiera, luogo di conflitto e al tempo stesso di integrazione e convivenza.

L’autore

Pietro Spirito è giornalista de “Il Piccolo” e scrittore. Con Guanda ha pubblicato Un corpo sul fondo (2007),  L’antenato sotto il mare (2010), con Santi Quaranta Il bene che resta (2009), con Fernandel la graphic novel Pinocchio. Cuore di legno (2011).

Il sito dell’autore.