“Wasteland” di Alessia Turri

titolo: Wasteland

autrice: Alessia Turri

editore: Cierre

sinossi: Una California insolita, fatta di chiaroscuri, di luci e di ombre. Lontana dal Pacifico, dal surf e dalle strade lastricate di stelle. Una California fatta di comunità addormentate, città fantasma, prigioni abbandonate e bacini riarsi di antichi laghi. Desertica, cruda e ferita. Terra di sole, vento, sabbia. Terra di miniere, rifiuti, camperisti, pastori, hippie e senzatetto, che inseguono, lungo strade infinite, orizzonti sfocati alla ricerca del sogno americano. Storie di vite ordinarie e straordinarie, fatte di successi e di sconfitte. Storie di genti e di luoghi, di nascite, morti e resurrezioni. Con una serie di racconti brevi accompagnati da un ricco, caleidoscopico e seducente corredo fotografico, la giovane autrice di Wasteland ci conduce in un viaggio appassionante alla scoperta di una Los Angeles inedita e sotterranea, della sua sterminata area metropolitana, dei deserti che la circondano, dell’ipno­tico lago Salton, delle bizzarre ghost town che sono sorte attorno alle sue rive e di vaste distese di Joshua tree, alla ricerca di una nuova identità della storia californiana.

biografia: Alessia Turri (Verona 1992), si è laureata in Lettere e Filosofia presso l’Università Cattolica di Brescia, specializzandosi in sciense e tecnologie delle Arti e dello Spettacolo. Ha frequentato un corso di videomaking a Hollywood e un Master in Turismo culturale a Roma. Nel 2016 si è aggiudicata il primo premio al Laboratorio di scrittura e fotografia del Festival della letteratura di viaggio a Roma, promosso dalla società geografica italiana. Appassionata di scrittura e fottografia, durante i suoi viaggi nell’Ovest americano tiene dei taccuini in cui annota incontri, esperienze, storie e sensazioni, e documenta tutto con una ricca raccolta di fotografie.