Perché “Poesia sotto i gelsi” di Moreno Vidotto

Accolgo l’invito di Ennio Bianco di raccontare il perché di questa piccola rassegna di poesia giunta alla sua terza edizione e che si svolge nel giardino della “Casa sul Piave Goffredo Parise” a Salgareda (TV).  Tutto ebbe inizio nel 2015 quando un’ amica che frequentava i corsi di poesia di Elio Pecora mi disse “perché non lo inviti ?” Sapevo  del poeta Elio Pecora sopratutto come curatore dell’opera di Sandro Penna e mi parve un’opportunità. Sin dal 2006, quando con Enzo Lorenzon comprammo la casa sul Piave appartenuta  allo scrittore Goffredo Parise che qui ,tra l’altro, scrisse “I Sillabari”, avevamo proposto incontri di lettura, spettacoli teatrali , concerti…, con l’obbiettivo quasi esclusivo di far conoscere alla comunità l’opera dello scrittore e cercando di far capire l’importanza che culturalmente il luogo rivestiva: memorabile a trent’anni dal viaggio in Giappone di Goffredo gli appuntamenti del 2010 legati a “L’eleganza è frigida” o, più recentemente, la lettura scenica del “Prete Bello”.

Sentii dunque che era il momento di provare ad aprire la casa con una iniziativa culturale che avesse scadenza annuale e , pur nel ricordo di Goffredo Parise, permettesse anche l’incontro con le opere di altri autori. Ciò che questo luogo poteva offrire era la “poesia”.

Senza soffermarci su ciò che significavano , i gelsi amati da Goffredo diedero il nome alla rassegna. Il primo fu Elio Pecora, Luigi Cecchinel, A. Benvenuti, C.Stella: poi Giorgio Bolla, Fabio Franzin, B.De Marzi, Paolo Ruffilli. Gli appuntamenti sono pochi , di più non riusciremmo a fare e, come è giusto che sia, c’è spazio anche per quegli autori meno conosciuti che abitano il nostro territorio.

Una rassegna che nasce “nascosta”, che trae forza da un luogo, da un territorio che, nonostante tutto, produce ancora autori interessanti e che raccoglie plausi un po’ ovunque: non più molti gli amici rimasti di Goffredo ma sono in tanti quelli che amano le sue opere e che ci stimolano in questo percorso. Racconto che mi piace contrapporre “Poesia sotto i gelsi” alle grandi manifestazioni letterarie dove i “numeri” hanno la loro importanza. Qui niente di tutto questo, niente code.

Offriamo un prato, dei versi, una passeggiata lungo la golena convinti che, come disse Goffredo a proposito delle sue poesie in prosa, “gli uomini d’oggi hanno più bisogno di sentimenti che di ideologie” nient’altro.

Naturalmente per quanto piccola una rassegna ha bisogno di aiuto e indispensabile diventa la collaborazione con le amministrazioni comunali: di Ponte di Piave, che hanno in custodia l’ultima dimora dello scrittore (Casa Cultura Goffredo Parise e sede della biblioteca) e di Salgareda che ci offrono anche lo spazio “al coperto” in caso di brutto tempo.

Moreno Vidotto

Il programma

Sabato 20 maggio ore 17,00. Fabio Franzin: “L’erba dice ciò che dice il vento”

Un verso di T.Roethke ad introdurre ” Erba e Aria ” la nuova raccolta di poesie dialettali di F.Franzin dedicate alla natura e al paesaggio (in caso di pioggia presso “Casa cultura G.Parise” biblioteca comunale di Ponte Di Piave via Verdi 1)

A seguire: Claudio Ballestracci presenterà “Sonoro Interno” l’installazione permanente realizzata per “Casa sul Piave Goffredo Parise” dall’artista Claudio Ballestracci (Longiano-FC) e commissionata appositamente dagli attuali proprietari. L’opera esposta all’interno della casa sarà visibile per tutta la durata di “Poesia sotto i gelsi”.Tutto nasce da un ritrovamento : tre frammenti parietali, ” …assorbenti e azzurre, fiorate di una lieve trama scarlatta…” che testimoniano l’intonaco originale della casa voluto da Goffredo Parise, datati 1970, e collocati all’interno di tre vetrine distinte, dialogano con il pubblico suggerendo lo stretto legame della casa con lo scrittore e il fiume Piave.

Sabato 27 Maggio ore 17,00 .Paolo Ganz : “Cercando Venezia ” 

Dalle pietre ai …pirati . Lo scrittore veneziano presenta la sua personale, sentimentale e poetica guida alla città lagunare  (In caso di pioggia presso la biblioteca comunale di Salgareda )

Sabato 10 giugno 0re 17,30 Gian Mario Villalta. “E’sempre adesso”

L’incontro con uno dei poeti più interessanti del panorama nazionale nonchè direttore artistico di Pordenonelegge.” Telepatia” (ed. lietocolle 2016) è la sua ultima raccolta in versi. (in caso di pioggia presso biblioteca di Ponte di Piave “Casa Cultura G.Parise”)

Sabato 17 giugno ore 17,30 Isabella Panfido. “Poesie e Altro” 

Dai versi de “La grazia del danno” alle raffinate prose del “Lagunario”. (in caso di pioggia presso la biblioteca di Salgareda)

Sabato 9 settembre ore 17,00 Lio Gemignani: “Passaggi e memorie” 

Quasi un’autobiografia. I versi di L.Gemignani tra presente e passato, l’età matura e l’infanzia. L’autore sarà presentato dal Prof. Giampietro Fattorello. (in caso di pioggia presso la biblioteca di Salgareda).

“Poesia sotto i gelsi” propone momenti di riflessione e di evasione dalla quotidianità attraverso l’ascolto di poesie e prose. E’ un’occasione per incontrare l’autore in un contesto golenale, essenziale e suggestivo.

Ingresso gratuito per informazioni 0422 759995 – 3483235822