La montagna di Bortoluzzi: “Comunità per sopravvivere”

Finalista al Premio C.A.I. Leggimontagna 2015, finalista al Premio della montagna Cortina d’Ampezzo 2016, vincitore del Premio Gambrinus-Giuseppe Mazzotti 2017 nella sezione “Montagna: cultura e civiltà”: Antonio G. Bortoluzzi, con il suo romanzo “Paesi alti”, si conferma testimone di una civiltà, quella montana del secolo scorso, narrata con vividezza, senza pietismi o falsi moralismi. Per […]

Tra guerra e giallo, Malaguti torna in trincea

“In Prima dell’alba ho voluto rappresentare l’orrore e la lunga terribile eredità della guerra” A cent’anni da una delle pagine più drammatiche della storia italiana, Paolo Malaguti, con il suo Prima dell’alba, ripercorre e racconta l’orrore della guerra di trincea e lo sbandamento delle truppe dopo la disfatta di Caporetto. Intersecando la narrazione del Vecio, fante […]

Francesco Permunian. Non sarò mai uno scrittore metropolitano

La voce di Francesco Permunian ha un tono fermo. Lapidario. Uno alla volta, sgrana concetti che appaiono subito in tutta la loro disarmante semplicità e crudezza. A dispetto delle nebbie nelle quali l’autore è nato e ha a lungo vissuto. A dispetto degli abissi, delle follie, degli incubi che costellano le sue narrazioni. O proprio […]

Il cavalletto del regista

Con la proiezione di “Quando l’arte si tace”, l’Associazione amici di Giovanni Comisso celebrerà il 70° anniversario della morte di Gino Rossi. Riccardo De Cal, come nacque l’idea di dedicargli un documentario? L’idea nacque in seno alla Fondazione Benetton Iniziative Culturali a Treviso nel 2005, e nello specifico mi fu chiesto dall’allora direttore Gianni Di […]

I grafici nell’arena della pubblicità

Tre colori intensi e dissonanti. Un soggetto semplice. Uno sguardo ipnotico. Il manifesto di Bouillon Kub diventa icona dell’arte pubblicitaria esposta al Museo nazionale Collezione Salce di Treviso. Il toro su fondo giallo, disegnato nel ’31 da Leonetto Cappiello, si impone come personaggio-idea e rappresenta tutta l’innovazione della comunicazione pubblicitaria tra gli anni Venti e […]

Ungaretti soffiò in me la vita culturale

Lettera a Bruna: l’epistolario del poeta innamorato di una ragazza che aveva 50 anni meno di lui. “È stata una benedizione del Signore conoscere Ungaretti. Prima di tutto ho avuto il privilegio di conoscere l’uomo, poi il poeta.” Eccola Bruna Bianco, sul palco di Pordenonelegge, nel suo abito rosso. Elegante, con la voce rotta dall’emozione, […]

“Veneziane e pioniere” le donne illustri di Marzo Magno

 Con “Serenissime”, Venezia, città d’arte storia e cultura, di riflessi e di segreti,diventa il grembo che ha dato alla luce dodici donne tutt’altro che comuni. Alessandro Marzo Magno, in che cosa risiede la straordinarietà dei ritratti che offre ai lettori in questo suo libro? Le donne di cui ho scritto sono nate tutte a Venezia. […]

“Bonaldi e il Brenta. Tana d’artista”

Visita esclusiva al laboratorio del genio estroso della ceramica. Un viottolo lungo il Brenta, una casupola anonima con una vasca da bagno e un vetro di damigiana, panciuto e senza paglia, posizionati uno a fianco dell’altra sul cortiletto vicino alla porta d’ingresso. Insieme bizzarro, se non si trattasse dell’atelier di Federico Bonaldi, il geniale scultore […]

Chiara Casarin. Comisso e i miei nonni in quella Casa di campagna

Che “l’amore comico” tra i nonni fosse narrato nelle pagine di Comisso lo ha appreso quando era ancora piccola, mentre respirava la passione per la cultura grazie al padre che ancora oggi vive a 150 metri dalla “Casa di campagna” dello scrittore. Chiara Casarin, da un anno direttrice dei Musei Civici di Bassano, ricorda spesso […]

Gian Mario Villalta. “Ascese e cadute. Così la mia Scuola rispecchia la vita”

La scuola e gli esami sembrano non finire mai, anche d’estate. Lo sanno bene gli studenti che devono riparare a settembre e quelli che dopo la maturità devono sostenere il test di ammissione alle facoltà a numero chiuso. Lo sa anche chi sta dall’altra parte della cattedra, come il “prof” Gian Mario Villalta che lo […]

Stefano Salis: “La lettura. Un’esperienza multisensoriale.”

Questo è il suo debutto nella giuria tecnica del Premio Comisso.Quali sono le caratteristiche che l’hanno colpita nei libri votati per le terzine? Sì, è il mio primo anno da giurato a Treviso, ma ho maturato una discreta esperienza con incarichi analoghi in altri premi nazionali.Devo dire che qui ho apprezzato la qualità di molte […]

Pierluigi Panza: “Narrativa e biografia contro l’analfabetismo umanistico.”

Professor Panza, a suo parere è possibile individuare delle caratteristiche comuni tra le opere finaliste e, più in generale, tra le opere partecipanti al Premio? Direi proprio di sì. Per le opere di narrativa è il tentativo di evitare il populismo estetico e di trattare l’esperienza letteraria come un’azione di denuncia capace di creare un […]