Giovanni Comisso nelle parole dell’amico Mario Botter

  Ringrazio il nostro Presidente, l’amico dottor Marcello Bellan, per avermi dato l’incarico di parlare di Giovanni Comisso dopo tre mesi dalla sua scomparsa. Molto è stato detto e molto è stato scritto sulla vita e sulle opere del nostro grande concittadino, uno dei più celebri letterati del nostro tempo e perciò mi limiterò a […]

“Marina di Eraclea” di Giovanni Comisso

Non si sa da dove siamo arrivati, e non si sa dove si possa andare. Il mare è in una direzione segnata da un pino, e il pino è in una direzione segnata dalle basse case. Certo se chiedessero con una carta di indicare la ubicazione di questa terra, non si saprebbe. Non è come […]

Vivere e scrivere: una questione di volontà. Intervista a Claudia Grendene

“Ricorderemo il Novantaquattro come un anno funesto. Il cinque aprile si è suicidato Kurt Cobain, il primo maggio  è morto Ayrton Senna. Forza Italia ha vinto le elezioni e stasera abbiamo ascoltato una matta che parla di rivoluzione armata. Il declino è alle porte, l’Italia sta cambiando”. Ricordo bene l’anno di cui parla Elia in […]

“I primordi di Asiago” di Giovanni Comisso

Si cammina tra questi monti che cingono l’altipiano, coperti di boschi radicati tra rocce corrose, scavate, frantumate. Il vasto altipiano è una conca ondulata dove l’uomo ha tracciato strade e costruito paesi senza fiumi, senza acque, eppure nei primordi essa doveva contenere un grande lago trattenuto dai monti marginali. Acqua discesa dai ghiacciai in dissolvimento, […]

La scrittura è donna. Intervista ad Emanuela Canepa

L’animale femmina ha uno sguardo magnetico, ti fissa negli occhi, ti scava dentro. Ti conquista già dalla copertina, capisci che lo amerai, che lo possiederai che diventerà parte di te ed in te troverà una parte che gli assomiglia. Attrazione al primo sguardo, al timido sfiorar di copertina. Succede con pochi libri, lo dice la […]

“Ricordo di Comisso e del suo San Bovo” di Virgilio Scapin

Giovanni Comisso non ha mai goduto di grandi fortune editoriali. In vita e in morte i suoi libri non sono mai diventati best-seller o long-seller, almeno secondo gli attuali parametri, anche se i suoi estratti conto non erano poi così disastrosi come lui amava far credere. Ingrata sorte riservata a uno dei maggiori scrittori del […]

“Henry Furst” di Giovanni Comisso

Il 15 agosto 1967. Enrico deceduto stamane; funerali domani mercoledì – Orsola. Così mi venne dato l’annuncio della fine di Enrico Furst da Orsola Nemi, la sua fedele compagna. Egli fu colui che strinse la mia amicizia con Gabriele d’Annunzio, che venne suggellata dalla lettera del 4 gennaio 1932. Furst in quell’anno si trovava al […]

“Ospiti di qualità” di Giovanni Comisso

In una sua vita, Francesco Petrarca dice: « Tenue vitto usai ». Alle sue cene non gli importava il cibo, ma di avere amici che lo confortassero e sempre li ebbe. Io potrei sottoscrivere questo come mio desiderio. Nella mia vita non furono mai importanti le mangiate, ma la qualità degli ospiti alla stessa tavola. […]

“Guido Keller, l’amico fiumano di Comisso” di Luigi Urettini

Nel suo libro autobiografico “Le mie stagioni” Giovanni Comisso parla a lungo di Guido Keller, “segretario d’azione” di D’Annunzio nell’avventura fiumana, con il quale strinse un forte sodalizio: “La mia amicizia con Keller si faceva sempre più profonda. Lo riconoscevo superiore a me e capace di imprimermi un nuovo senso della vita. Moltissima mia infantilità […]

“Veneto film e libri” di Giancarlo Marinelli

Solo qui poteva accadere. L’inversione creativa. Non un film tratto da un libro, ma un libro tratto da un film. E’ il caso di “Anonimo Veneziano” di Giuseppe Berto, che, su commissione di Enrico Maria Salerno, scrisse una specie di dialogo platonico tra Lui e Lei. Non hanno nome. Sono l’amore furibondo, l’amore rinnegato, l’amore […]

“Osteria di pescatori” di Giovanni Comisso

L’inverno è già passato, questo aspro inverno che ha tanto ostacolalo la pesca obbligando i bragozzi a starsene ferini nel canale, disertori del mare. E per questa gente se non si alzano le vele e se non si gettano le reti sono tempi tristi. Se i pescatori non pescano, non guadagnano e non possono adattarsi […]

Pietro Nenni Sergente di Comisso

L’amico Carlo Bo, critico acutissimo, incontrato a Urbino, avendo preso a raccontargli di uomini contemporanei addentro alla storia d’Italia, da me conosciuti, mi disse come un’esortazione che avrei dovuto scrivere questa storia servendomi delle mie occasioni. Con il passare degli anni, avendo buona memoria, si finisce per diventare un archivio. D’altra parte l’Italia è come […]